A tutti i docenti

                                                                                                                                             

 

OGGETTO: Didattica a distanza – aggiornamenti

 

La Nota Ministeriale n. 388 del 17 marzo 2020 ed il decreto legge recante la stessa data chiariscono ulteriormente le procedure da mettere in atto in questo momento di sospensione delle attività didattiche in presenza.

 

In base alle nuove esigenze “appare opportuno suggerire di riesaminare le progettazioni definite nel corso delle sedute dei consigli di classe e dei dipartimenti di inizio

d’anno, al fine di rimodulare gli obiettivi formativi sulla base delle nuove attuali esigenze. Attraverso tale rimodulazione, ogni docente riprogetta in modalità a distanza le attività didattiche, evidenzia i materiali di studio e la tipologia di gestione delle interazioni con gli alunni e deposita tale nuova progettazione relativa al periodo di sospensione, agli atti dell’istituzione scolastica, tramite invio telematico”

 

Per quanto riguarda le attività laboratoriali, “ove non sia possibile l'uso di laboratori digitali per le simulazioni operative o altre formule...il docente progetta – in questa fase – unità di apprendimento che veicolano contenuti teorici propedeutici, ossia da correlare in un secondo momento alle attività tecnico pratiche e laboratoriali di indirizzo”

 

In relazione agli alunni con disabilità, il Piano Educativo Personalizzato resta il punto di riferimento per il lavoro da svolgere; particolare attenzione va prestata al processo di inclusione, che non deve essere interrotto dalla sospensione delle attività didattiche in presenza. I docenti di sostegno curano l'interazione a distanza fra i loro studenti e gli altri docenti della classe, così come fra gli stessi studenti ed i loro compagni, mantenendo ove possibile il rapporto con le famiglie e fornendo materiale personalizzato da utilizzare con le modalità specifiche della didattica a distanza, modalità concordate con le famiglie. “Resta inteso che ciascun alunno con disabilità, nel sistema educativo di istruzione e formazione italiano, è oggetto di cura educativa da parte di tutti i docenti e di tutta la comunità scolastica. E’ dunque richiesta una particolare attenzione per garantire a ciascuno pari opportunità di accesso a ogni attività didattica.”

 

Anche nella didattica a distanza è necessario prevedere, per ragazzi con disturbi specifici di apprendimento, l'utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi, quali ad esempio l'uso di software di sintesi vocale, libri e vocabolari digitali, mappe concettuali.

 

 

Per quanto riguarda gli ausili ed i sussidi che gli studenti usano normalmente durante le lezioni in presenza, gli insegnanti di sostegno possono far riferimento alla funzione strumentale  (Prof. La Piano) per organizzarne il ritiro e il comodato d’uso

 

A proposito di valutazione,” le forme, le metodologie e gli strumenti per procedere alla valutazione in itinere degli apprendimenti, propedeutica alla valutazione finale, rientrano nella competenza di ciascun insegnante e hanno a riferimento i criteri approvati dal Collegio dei Docenti.

 

L'attuale normativa lascia la dimensione docimologica ai docenti, che facendo riferimento ai criteri approvati dal collegio dei docenti definiscono tempi, strumenti e modalità

 

La citata nota così recita:

“Se è vero che deve realizzarsi attività didattica a distanza, perché diversamente verrebbe meno la ragione sociale della scuola stessa, come costituzionalmente prevista, è altrettanto necessario che si proceda ad attività di valutazione costanti, secondo i principi di tempestività e trasparenza che, ai sensi della normativa vigente,

ma più ancora del buon senso didattico, debbono informare qualsiasi attività di valutazione. Se l’alunno non è subito informato che ha sbagliato, cosa ha sbagliato e perché ha sbagliato, la valutazione si trasforma in un rito sanzionatorio, che nulla ha a che fare con la didattica, qualsiasi sia la forma nella quale è esercitata.”

 

La Dirigente Scolastica

Dott.ssa Iole Matassoni

URP

ISTITUTO ALBERGHIERO STATALE "PELLEGRINO ARTUSI"

Via M.Tarlombani 7  Riolo Terme RA 48025

Tel: 054671113

Fax: 054671859

Email: rarh020004@istruzione.it

PEC: rarh020004@pec.istruzione.it

Cod. Mecc. rarh020004
Cod. Fisc. 90003100394

Codice iPA. istsc_rarh020004
Fatt. Elett. UFBLHI